Auguri Robert.

151859300-f065fc9e-6de5-4f0c-ad3c-419181879d1f

In questo articolo mi ripeterò, userò parole solo per dire grazie a un attore che mai saprà quello che m’ha regalato. Oggi Robert Redford compie 80 anni e ogni suo film andrebbe guardato nuovamente.

Non mi fido di nessuno che mi inviti a vedere un particolare film perché è bello o perché vale il biglietto o perché è emozionante o perché è un classico o per altri motivi validi. Mi fiderei solo se nel cast trovassi Robert Redford, il protagonista di pellicole che hanno fatto la storia del cinema mondiale.

Indimenticabile qui, ne “La mia Africa” e altrettanto indimenticabile in “Come eravamo” o in “Corvo rosso non avrai il mio scalpo” o nel celeberrimo “La stangata”. Potrei continuare con titoli importanti, non ne ho dimenticato mai nessuno. Ma la mia impressione poco vale, il cinema è davvero qualcosa di così personale che magari quel che è bello per me non è bello per te…con i film di Robert Redford forse questa teoria crolla. Sono sicura che se a scuola si studiasse storia del cinema, molti film da lui interpretati e diretti andrebbero visti. Ma a scuola la bellezza è sempre meno incentivata, apprezzata, sempre meno ammirata e storia del cinema è una materia che non si studia e tanta meraviglia finisce dimenticata.

C’è questa scena, di un uomo che lava i capelli a una donna. Ecco, io la trovo di una poesia assoluta, in un mondo in cui si leggono sempre di più romanzi con scene di sesso esplicito, dove l’amore ha un tasso di violenza altissimo e ormai l’educazione passa per messaggi del tipo “tutto e subito”, io resto da questa parte, ad ammirare un uomo e una donna che s’amano così, semplicemente prendendosi cura l’uno dell’altra. Il film, poi, non è tutto rose e fiori…questa è una storia vera e la vita, si sa, non è sempre un lieto fine…ma tutto, tutto, resta a dire e raccontare un mondo bellissimo, in cui la magia e la favola si intrecciano alla realtà dura dei sentimenti. Vale così anche per “Come eravamo”, di cui magari racconterò qualcosa, anzi qualcosa ho già raccontato in giro.

Auguri Robert.